Memories of Easter in Venice

An interview with Giuseppe Baldan

ITALIANO

Giuseppe Baldan è cresciuto a Dorsoduro, dove ha iniziato a servire come chierichetto all'età di sei anni. Da dieci anni è diacono alla chiesa del Redentore alla Giudecca. Con la moglie Anna gestisce la Palestra Delfino alle Zattere. Ha condiviso con noi i suoi ricordi della Pasqua a Venezia.

Cosa ricordi della Pasqua da bambino?

Era davvero un'atmosfera bellissima. Allora Dorsoduro era piena di botteghe e tutti facevano vetrine per uova di Pasqua, conigli, torte. Tutti si conoscevano, quindi fare la spesa pasquale è stato emozionante, anticipare i regali e la festa!

Tutti i bambini della parrocchia avrebbero aiutato a preparare la chiesa per il giorno di Pasqua, pulendo le finestre, lavando i banchi, aiutando il sacerdote. C'era una processione pasquale, che abbiamo condiviso con la chiesa anglicana in Campo San Vio - abbiamo camminato insieme per il quartiere prima di partecipare alle nostre funzioni separate.

Mia madre si è assicurata che anch'io fossi molto elegante. Anche quando avevo 5 anni ho dovuto indossare giacca e cravatta!

Cosa ti è piaciuto di più del pranzo di Pasqua?

Torte! Ho un debole per i dolci, quindi era il mio preferito. Mia madre preparava in casa la Colomba (il tradizionale dolce pasquale a forma di colomba); la sua ricetta utilizzava buccia d'arancia e cioccolato.

Servi come diacono al Redentore, una delle chiese più importanti di Venezia. Quale ruolo pensi che abbia la fede nella vita veneziana contemporanea?

Venezia è inseparabile da San Marco: la chiesa è il suo cuore e il suo emblema, e ci sono oltre 100 altre chiese in città. Molte fedi diverse sono state praticate qui nel corso della storia, Venezia è sempre stata cosmopolita e tollerante. Penso che tanto sia cambiato - la struttura familiare, gli atteggiamenti e le aspettative dei giovani - ma Venezia può davvero essere un esempio di come l'amore di Dio può essere condiviso, comunque le persone adorino. Questo è molto importante per me.

Qual è per te il momento più profondo della Pasqua?

Dal Giovedì Santo al giorno di Pasqua, c'è una sensazione così speciale. Quando ero bambino, passavamo tutti i giorni in chiesa, e quando tutto era finito piangevo, era così magico. Penso che le celebrazioni di quest'anno saranno altrettanto speciali.


ENGLISH

Giuseppe Baldan grew up in Dorsoduro, where he began to serve as an altar boy aged six. For the past ten years he has been a Deacon at the Redentore church on Giudecca. With his wife Anna he runs the Delfino Gym on the Zattere. He shared his memories of Easter in Venice with us.

What do you remember about Easter as a child?

It was a really beautiful atmosphere. Back then, Dorsoduro was full of little shops and they would all make displays for Easter- eggs, rabbits, cakes. Everyone knew one another, so doing the Easter shopping was exciting, anticipating the presents, and the feast!

All the children in the parish would help to get the church ready for Easter day- cleaning the windows, washing the pews, helping the priest. There was an Easter procession, which we shared with the Anglican church in Campo San Vio- we'd walk around the district together before attending our separate services.

My mother made sure I was very smart, too. Even when I was 5 I had to wear a jacket and tie!

What did you enjoy most about the Easter lunch?

Cakes! I have a sweet tooth so that was my favourite. My mother would make the Colomba (the traditional Easter cake in the shape of a dove) at home; her recipe used orange peel and chocolate.

You serve as a Deacon at the Redentore, one of Venice’s most important churches. What role do you think faith plays in contemporary Venetian life?

Venice is inseparable from San Marco- the church is its heart and its emblem, and there are over 100 other churches in the city. Many different faiths have been practiced here throughout history, Venice has always been cosmopolitan and tolerant. I think that so much has changed- family structure, the attitudes and expectations of young people- but Venice can really be an example of how God’s love can be shared, however people worship. That’s really important to me.

What is the most profound moment of Easter for you?

From Holy Thursday to Easter Day, there’s such a special feeling. When I was a child, we spent every day in church, and I used to cry when it was over, it felt so magical. I think this year’s celebrations will be equally special.