Looking for Trouble with Nathan Sutherland

An Interview with Philip Gwynne Jones

The Venetian Legacy is the latest in the hugely popular Nathan Sutherland series by Philip Gwynne Jones, who began creating the series when he moved to Venice with his wife Caroline, an adventure recounted in To Venice With Love . Today Philip share’s a few of Nathan’s insider tips, and thoughts on taking the plunge into the lagoon.

ENGLISH

Someone arrives in Venice on a magic carpet and has only an hour to see the city. What should they do?

Tempting though it is to suggest Piazza San Marco or even Torcello, I would get your magic carpet to deliver you to the Lido, early in the morning, just as the sun is coming up. Then get the number 1 vaporetto to Piazzale Roma : you’ll pass Sant’Elena,the Giardini and the Arsenale. Then you move through the bacino, past Piazza San Marco and on through the Grand Canal. It’s all incredibly beautiful of course and, as you watch the delivery boats unloading, it’ll give you a sense of Venice waking up. It actually takes one hour and five minutes, but hopefully your carpet will be prepared to wait for you at the other end.

Your books feature Nathan Sutherland, the British “Honorary Consul”. Tell us more about this unusual Venetian custom.

There really is a British Honorary Consul here, although the Consulate itself moved out of the city and on to terraferma nearly twenty years ago. The role of the Consul is to assist British nationals in distress as best they can. This will typically involve visitors who have been victims of crime, or those with stolen or missing passports. It struck me that this would be the ideal occupation for my protagonist, Nathan Sutherland - he wouldn’t have to go looking for trouble, because trouble would come looking for him. But those he’s called on to help out usually have bigger problems than missing passports...

Nathan is a big fan of the bacari, and partial to a meatball. Do you have a favourite spot for a Spritz and a cichetto?

Well Nathan’s favourite watering hole is the “Magical Brazilian Bar” (in real life, the Caffè Brasilia) on the Street of the Assassins. But I think my favourite might be Corner Pub, in Dorsoduro, just past the Anglican Church. It’s a gem of a bar - the Spritzes and Negronis are among the best in the city and the tramezzini, focaccie, and cicheti in general are fantastic. They’re a lovely bunch of people there as well.

Your book To Venice With Love is an autobiographical account of your move here with your wife. What’s one piece of advice you would give to anyone planning on relocating to Venice?

Keep in mind that it won’t be like being on a permanent holiday. There will be a culture shock and there may well be some dark moments along the way. But if you commit to the city, Venice and the Venetians will more than pay you back.

You have an exquisite flask of Murano glass in which you can bottle one Venetian memory. What would you choose?

Arriving in the city by water taxi, on the day we moved here. With no job, no friends and no permanent place to stay. Just ourselves, having an adventure in middle-age, and realising that nothing would ever be quite the same again…


“The Venetian Legacy”, the latest in the Nathan Sutherland / Venice series by Philip Gwynne Jones is out now. Click here to learn more about Philip Gwynne Jones and his work.


ITALIANO

Qualcuno arriva a Venezia su un tappeto magico e ha solo un'ora per vedere la città. Cosa dovrebbero fare?

Per quanto sia allettante suggerire Piazza San Marco o anche Torcello, vorrei che il tuo tappeto magico ti portasse al Lido, la mattina presto, proprio mentre sorge il sole. Poi prendi il vaporetto numero 1 fino a Piazzale Roma: passerai davanti a Sant'Elena, i Giardini e l'Arsenale. Poi ci si sposta per il bacino, oltre Piazza San Marco e poi per il Canal Grande. Ovviamente è tutto incredibilmente bello e, mentre guardi le barche per le consegne che scaricano, ti darà la sensazione di Venezia che si sveglia. In realtà ci metti un'ora e cinque minuti per fare questo viaggio, ma si spera che il tuo tappeto sia pronto ad aspettarti dall'altra parte.

Il protagonista dei tuoi libri, Nathan Sutherland, è il "console onorario" britannico. Raccontaci di più su questa insolita usanza veneziana.

C'è davvero un console onorario britannico qui, anche se il consolato stesso si è trasferito fuori dalla città e si è trasferito a terraferma quasi vent'anni fa. Il ruolo del Console è assistere i cittadini britannici in difficoltà nel miglior modo possibile. Ciò coinvolge tipicamente i visitatori che sono stati vittime di reati o quelli con passaporti rubati o mancanti. Mi ha colpito il fatto che questa sarebbe stata l'occupazione ideale per il mio protagonista, Nathan Sutherland: non avrebbe dovuto andare a cercare guai, perché sarebbero venuti i guai a cercarlo. Ma quelli che è chiamato ad aiutare hanno problemi più grandi di un passaporto svanito...

Nathan è un grande fan dei bacari e ha un debole per le polpette. Hai un posto preferito per uno Spritz e un cichetto?

Ebbene, il bar preferito di Nathan è il "Magical Brazilian Bar" (nella vita reale, il Caffè Brasilia) sulla Calle degli Assassini. Ma penso che il mio preferito potrebbe essere il Corner Pub, a Dorsoduro, subito dopo la chiesa anglicana. È un gioiello di un bar: gli Spritz e i Negroni sono tra i migliori della città e in generale i tramezzini, le focaccie e i cicheti sono fantastici. Sono anche un bel gruppo di persone lì.

Il tuo libro "To Venice With Love" è un racconto autobiografico del tuo trasferimento qui con tua moglie. Qual è un consiglio che daresti a chi ha intenzione di trasferirsi a Venezia?

Tieni presente che non sarà come essere in vacanza permanente. Ci sarà uno shock culturale e potrebbero esserci dei momenti bui lungo la strada. Ma se ti impegni per la città, Venezia e i veneziani ti ripagheranno.

Hai una squisita fiaschetta in vetro di Murano in cui puoi imbottigliare un ricordo veneziano. Cosa sceglieresti?

Arrivando in città con il taxi acqueo, il giorno in cui ci siamo trasferiti qui. Senza lavoro, senza amici e senza un posto fisso dove stare. Solo noi stessi, vivendo un'avventura nella mezza età e rendendoci conto che niente sarebbe più stato lo stesso ...